Home Notizie da Katon Suzana oggi La storia Amici di Suzana Archivio 188 ottobre 2020 188 ottobre 2020 191 luglio 2021 191 luglio 2021 190 marzo 2021 190 marzo 2021 189 dicembre 2020 189 dicembre 2020
NOTIZIE DA KATON N.190 Marzo 2021
Carissimi, come state? Intendo anche e soprattutto di salute fisica, visto i  tempi che corrono.  Avete notato la data? 57 anni fa era  la data della mia prima messa, il giorno dopo l’Ordinazione sacerdotale. Ho detto un  GRAZIE supermaiuscolo al buon Dio che ha avuto ed ha ancora tanta pazienza con me e l’ho pregato di estendere il grazie a  tutti voi  e magari di portare ancora pazienza con me  perché possa continuare a servire fino a quando a Lui piacerà.  Intanto vorrei ringraziare tutti quanti si sono premurati di farmi gli auguri a cominciare dagli auguri di Natale del Signore, (e non  ditemi “Ma siamo quasi a Pasqua!”,  lo sapete bene che da quando mi è arrivato tra i piedi il signor Parkinson, ho il freno a mano  progressivamente tirato e chi si era abituato a vedermi “sfrecciare”, ora si deve abituare a ben altro; il che vale innanzitutto per  me!). Poi un grazie per agli auguri di Buon Anno nel Signore (sempre con la maiuscola, a dispetto di quel coronavirus che  pretende di essere lui a possedere le nostre vite!) seguiti a ruota da quelli di buon compleanno (un grazie ai miei genitori!),  “scoccato” per la 82esima volta e infine per quelli dell’anniversario di  Ordinazione Sacerdotale e Prima Santa Messa, e siamo a  57. Sapete, per me è un numero particolarmente significativo: gli anni di  tutta la vita del mio Predecessore nella Missione, il  padre Spartaco Marmugi. Nei cinque anni passati insieme (gli ultimi della sua vita) ha avuto il suo bel daffare per “dirozzarmi”  diciamo pure anche “a colpi di accetta”:  senza di lui, dei suoi esempi e dei suoi consigli da avveduto “mister”, non so proprio  come avrei potuto muovermi una volta “in campo”.  Vi voglio anche parlare di una gradita sorpresa. A fine gennaio abbiamo fatto i nostri Esercizi Spirituali annuali, magistralmente  impostati da Don Matteo Crimella sul Vangelo di Marco. Il quale Marco quando parla delle tentazioni di Gesù dice anche che  stava con le fiere e gli angeli lo servivano”. A me è venuto in mente il famoso detto “homo homini lupus” che Paolo,  commentando ai Galati (cristiani!) il comandamento della carità traduce: “Se vi comportate come bestie feroci mordendovi e  divorandovi tra di voi, finirete per distruggervi!” . Però che coraggio quei Galati!  E pensare che erano cristiani! Sì, avveniva, pare,  tra cristiani di quei tempi,  ma, forse non ha ancora smesso di avvenire qua e là. Ebbene, io queste fiere in quei giorni non le ho  viste, ma gli angeli sì, e come se li ho visti!  Ho trovato i miei confratelli pieni di attenzioni verso di me… e, abituato al mio “stile  PIME” piuttosto “sbrigativo”, sono rimasto sorpreso.  Degli Angeli, garantito!  Vi posso confessare che mi  hanno anche  commosso?  Continuo il mio servizio alla missione e spero che sia  utile. Ogni tanto vengono al pettine nodi antichi che  magari non sospettavi che esistessero, i quali nodi alle  volte contribuisco a sciogliere, anche se ingoiando  qualche amaro rospo. Ma l’indimenticabile don  Amilcare  Tentori, coadiutore a Brugherio per ben 51  anni e rotti, non diceva che “i vecchi sono i parafulmini  della società”? (Saggezza in pillole! E “ illustrata” per  giunta!).  La quale società, qui in Guinea, non cessa di  corrompersi giorno per giorno. No, non pensate subito  al Covid19! Grazie a Dio quanto a questo continuiamo  ad essere una “isola felice” nonostante il  comportamento irresponsabile di moltissima gente e le  misure alle volte cervellotiche delle Autorità. Decreto:  chiuse chiese, moschee (si fa per dire) e qualsiasi luogo di culto. Aperti i mercati, dove la gente si pigia all’inverosimile. Aperte le  scuole di ogni tipo! Ma qui ci hanno pensato gli insegnanti indicendo l’ennesimo sciopero per rivendicare il pagamento degli  stipendi  arretrati.  C’è ben altro che preoccupa. La gente dice che il “contagio” (ben diverso) viene  dal Senegal chiaramente avviato verso una dittatura, nonostante le manifestazioni  di protesta, alle volte cruente (giorni fa a Bignona hanno appiccato fuoco a un  poliziotto che avrebbe ucciso un ragazzo con un colpo di arma da fuoco. Sono  rimasti a…  godersi lo spettacolo fino alla fine. E hanno anche pubblicato foto sui  giornali).  Ebbene la gente di qui, commentando il fatto che il loro capo ogni due per tre è a  Dakar, dice che va prendere lezioni dal suo maestro. Difatti stanno aumentando  rapimenti e pestaggi perpetrati da uomini in divisa a danno di deputati  dell’opposizione, giornalisti e di chiunque si azzardi a dissentire. L’olio di ricino  non circola ancora, ma i pestaggi sono gli stessi di allora.  La mia salute? Come vi dicevo il Parkinson è in forma, me ne accorgo quando mi  metto a riparare qualcosa: dopo poco tempo “sono in riserva” e mi devo fermare  prima di finire un lavoro, Purtroppo c’è un dolore che mi rende difficoltoso il  camminare e questo è quanto più mi preoccupa. Intanto sono “costretto” senza  che me ne accorga  ad assumere una postura che io chiamo la “sindrome del  cavatappi”. Avete presente il cavatappi che si avvita nel turacciolo?   Si, vado assomigliandogli, nonostante gli sforzi (troppo pochi?) contrari. Se  proprio non vi piace il riferimento al cavatappi, prendetene uno più “colto” e più  prestigioso, per esempio, le colonne dell’altare maggiore della Basilica di S.  Pietro. La qual cosa mi consola perché, dopotutto, mi fa sentire ancora “una  colonna della missione”, magari un po’ “s cenca” (= storta) ma sempre colonna!  Vorrei parlarvi ancora di tante cose, ma mi ci vorrebbe  molto più tempo!   Buona Santa Pasqua: chissà che il Signore, uscendo  dal Sepolcro, riesca finalmente a far uscire di casa  anche voi, a dispetto del coronavirus. Ma bisognerebbe  anche “uscire” un po’ di più verso vicini e lontani, come  non si stanca di ricordarci Papa Francesco. Auguri!!  Suzana, 15 Marzo 2021 
Notizie da Katon 190 marzo 2021