Home Notizie da Katon Suzana oggi La storia Amici di Suzana Archivio Fratel Renato Fratel Renato Demba Demba Suor Rosa Suor Rosa Ampajigar Ampajigar
Patrice
Sono a Ejin, dove ho detto la prima delle tre messe che diró questa domenica. Finita la Messa c'é gente che mi vuole parlare e  quindi mi accomodo nel mio solennissimo studio: tre metri per tre e mezzo, pareti di fango, dentro c'é letto, tavolino, armadietto  pensile, filtro dell'acqua, fornello a spirito, formiche e altri insetti vari e...il sottoscritto.   Sono venuti parecchi da Ehlalab, un villaggio che dista 45 minuti a piedi, da percorrere sugli argini del fiume: vi sta nascendo, tra  molte difficoltà, una comunità di autentici "poveri", perseguitati in tutti i modi. Tra di loro c'é Kauressul, non ancora catecumeno,  cui pochi giorni fa é morto un bambino, Patrice, di 5-6 anni: l'unico maschietto che aveva. Io ero assente da Suzana per un  servizio in Diocesi: un ritiro per i catechisti. Ora é la prima volta che ci vediamo dopo d'allora.  Kauressul mi descrive per filo e per segno la malattia del bambino, quasi giorno per giorno. Poi continua: "Era ormai sera e mi  dice: 'Papà, mi sa che devo proprio morire sai'. Gli rispondo: 'Vediamo, forse si può fare ancora qualcosa, o forse no; forse devi  proprio andare, sarà quel che Dio vorrà". Poi continua: "Era ormai notte fonda. Ad un certo punto il bambino mi chiama e mi dice:  'Tirami fuori Gesù'. Si riferiva alla medaglia che aveva. Gliela dò e se la mette al collo. Poi mi dice: 'Dami i sandali'. 'Perchè vuoi i  sandali? ' gli chiedo. Mi dice: 'Ma come, non capisci? Io devo andare da Gesù, muoio; portami i sandali'. Gli porto i sandali e glieli  metto ai piedi. Passa un po' di tempo, poi mi dice: 'Adesso ti canto una canzone' e comincia il canto dell'anno santo, uno degli  ultimi canti che ha imparato: Aprite le porte, spalancate le vostre case, ecco la Redenzione è vicina... e quando é arrivato qui alle  parole 'la Redenzione è vicina' si é fermato ed ha taciuto. L'ho  guardato: era morto. E' morto cantando queste parole... Poi il primo gallo ha  cantato...".  Piangevo: le lacrime agli occhi e un groviglio di sentimenti in cuore. Patrice é  morto cantando il mio ultimo canto, si è presentato davanti a Gesù con la sua  innocenza, ma consapevole di ciò che stava succedendo, con la lucidità e la  maturità che solo un momento terribile e vero come quello può dare...  Mi riprende quel senso come di paura, che è responsabilità e coscienza di essere  di fronte al mistero e di dovere io, così incapace e limitato, dare ai miei fratelli  mezzi di espressione per comunicare con questo mistero. Entrerà anche questo  nella grandezza di quel sacerdozio cui Cristo mi ha chiamato? Sarà proprio  questo che mi dà questo senso di vertigine, come una finestra aperta sull'infinito?  Ho davanti agli occhi quel bambino e suo padre che mi racconta. A Ehlalab c'è  stato chi ha riso di lui, lo hanno canzonato perchè lui ha preso il cammino del  bianco e gli spiriti lo hanno punito prendendogli l'unico figlio maschio, ma lui  questo me l'ha appena accennato: quello che gli premeva di dire era il resto.  Io come Gli andrò incontro? Con tutti i canti che ho fatto, voglio proprio vedere se  non me ne viene nemmeno uno in quel momento! Però me lo devo meritare. Vuol  dire che chiederò l'aiuto di Patrice: una mano me la dovrebbe dare per farmi  arrivare dove é arrivato lui. 
Patrice Patrice Bunire Bunire Suor Maria Suor Maria Ana Assimatoru Ana Assimatoru Basikuai Basikuai Maddalena Maddalena Anijroken Anijroken PitrikÚ PitrikÚ Ambona Ambona Kutujenio Kutujenio